skip to Main Content

Specialista patologie spalla e gomito

La frattura prossimale dell’omero è la seconda frattura più comune dell’arto superiore e rappresenta il 10% di tutte le fratture nei pazienti oltre i 65 anni di età. Questo dato è in aumento a causa dell’invecchiamento della popolazione, tanto che può arrivare ad interessare fino ad 1/3 della popolazione con età superiore ai 60 anni.

Tendinite02_original
Tendinite0_original
CuffiaRotatoti

La frattura prossimale dell’omero è la seconda frattura più comune dell’arto superiore e rappresenta il 10% di tutte le fratture nei pazienti oltre i 65 anni di età. Questo dato è in aumento a causa dell’invecchiamento della popolazione, tanto che può arrivare ad interessare fino ad 1/3 della popolazione con età superiore ai 60 anni.

Le fratture prevedono differenti tipi di trattamento in base al numero dei frammenti (2,3,4) e al loro grado di scomposizione: trattamento conservativo, sintesi con placca e viti, sostituzione protesica. Nelle fratture complesse in età senile ad alto rischio vascolare e quindi osteonecrotico la protesi inversa della spalla può essere considerata attualmente una procedura chirurgica affidabile, con buoni risultati clinici a medio e lungo termine.

Tale impianto protesico trova indicazione in differenti patologie oltre le fratture dell’omero comminute quali: rotture massive della cuffia dei rotatori con quadro clinico di pseudoparalisi, l’artrosi eccentrica secondaria a rottura massiva della cuffia dei rotatori (RC), artrosi primaria (OA), artrite reumatoide gleno-omerale (RA), e sequele di frattura ecc. Rappresenta inoltre un’importante alternativa all’artoplastica convenzionale di spalla (TSA) o emiartroplastica convenzionale (HA) qualora si riscontri un’ insufficienza della cuffia dei rotatori: tale condizione porterebbe infatti   a un rapido e sicuro  fallimento dell’impianto.

La protesi inversa di spalla (rTSA) “inverte” l’anatomia dell’articolazione gleno-omerale: alla scapola viene fissata una componente convessa ( glenosfera), mentre la superficie concava si trova nella componente omerale. Tale design modifica biomeccanicamente il centro di rotazione spostandolo medialmente ed inferiormente, ripristinando il tal modo il braccio di leva del deltoide e migliorandone la funzionalità muscolare. Questo vantaggio meccanico che si crea, permette di compensare l’insufficienza della RC grazie al deltoide, che diventa l’elevatore primario della spalla [1].

I punti cardini del percorso riabilitativo   saranno il recupero della mobilità attiva gleno-omerale, dipendente in gran parte dal deltoide e dalla muscolatura scapolo toracica. A tal proposito, il fisioterapista dovrà ’essere consapevole della diversa meccanica articolare della spalla protesizzata, e delle possibili limitazioni articolari associate al design protesico stesso, specialmente   in intra ed abduzione extrarotazione.

Si è pertanto profilata la necessità di un decorso post-operatorio differente per un paziente che segue rTSA, rispetto alla riabilitazione prevista in seguito ad un TSA tradizionale allo scopo di agevolare un più precoce  recupero articolare passivo   e attivo per ostacolare insorgenza di rigidità secondarie.

Fig 1 classificazione AO e Possibili trattamenti chirurgici

classificazione AO   e Possibili   trattamenti chirurgici

Fig 2- osteosintesi con placca e viti

osteosintesi con placca e viti

Fig 3- Osteonecrosi avascolare epifisi prossimale omerale e trattamento con protesi inversa.
Osteonecrosi avascolare epifisi prossimale omerale e trattamento con protesi inversa2

Osteonecrosi avascolare epifisi prossimale omerale e trattamento con protesi inversa.

CONTATTAMI E PRENOTA LA TUA VISITA OGGI

Humanitas Gavazzeni
Via Mauro Gavazzeni, 21
24125 Bergamo
Per prenotazioni visite: 035.4204500

Dottor Eugenio Cesari

Specialista in ortopedia, traumatologia e chirurgia della Spalla e del Gomito

error: Content is protected !!